Franco Nero + Minnie Minoprio – Photo Hand Signed foto autografata 18,7×12,7cm COA 011 (IN ARRIVO – COMING SOON)

Dona 100

NECESSARIA PRENOTAZIONE. IN ARRIVO

Progetto: Borse di Studio (in esclusiva con History Life Onlus)

2 Settembre 2019

1 disponibili

Con questo articolo ottieni 100 Points!

Descrizione

Nato a San Lazzaro Parmense, frazione del comune di Parma, il 23 novembre 1941, figlio di un maresciallo dei carabinieri originario di San Severo (in provincia di Foggia), Nero conobbe l’attrice Vanessa Redgrave nel 1967 sul set del film Camelot, dove lui recitava la parte di Lancillotto e lei di Ginevra, instaurando una celebre relazione sentimentale. I due hanno un figlio, Carlo Gabriel Nero, nato a Londra nel 16 settembre 1969, ma il legame durò poco – nonostante abbiano recitato in coppia in diversi film – e i due si separarono poco dopo la sua nascita.

Nel 1987 Franco Nero ebbe un secondo figlio, Francesco “Franquito” Sparanero, concepito con l’afrocolombiana Mauricia Mena, che conobbe a Cartagena durante le riprese di un film. Negli anni duemila Vanessa Redgrave e Franco Nero si ritrovarono dopo tanti anni e, dopo diverse relazioni avute con altri partner, nel 31 dicembre 2006 si sposano, mantenendo inizialmente segreto il loro matrimonio. La Redgrave lo renderà pubblico soltanto nel 2009 durante un’intervista alla radio inglese BBC Radio 4.

Per la sua prestanza fisica e il “cipiglio da valoroso” fin dagli esordi Nero ha incarnato «una bellezza maschile molto “americana”», segnalandosi infatti all’attenzione di John Huston che gli affida il ruolo di Abele nel kolossal La Bibbia (1965), cui seguirà la notorietà definitiva raggiunta con Un tranquillo posto di campagna (1968), primo di una serie di titoli da lui interpretati nel tempo in coppia con Vanessa Redgrave.

In seguito ha interpretato numerosi film appartenenti al filone del giallo politico italiano (Il giorno della civetta, 1968; Il delitto Matteotti, 1973; Marcia trionfale, 1976; ecc.) e qualche western all’italiana (Django, 1966).

Tra i suoi migliori titoli, Querelle de Brest (1982) di Rainer Werner Fassbinder, Il giovane Toscanini (1988) di Franco Zeffirelli, Diceria dell’untore (1990) di Beppe Cino, Fratelli e sorelle (1992) di Pupi Avati, Jonathan degli orsi (1994), che ha anche sceneggiato assieme al suo abituale collaboratore Lorenzo De Luca e al regista Castellari, nonché prodotto.

Dopo essere apparso in 2012 – L’avvento del male (2001), ha recitato in diversi film sperimentali di Louis Nero, debuttando inoltre nella regia con Forever Blues (2006), nuovamente scritto assieme a Lorenzo De Luca.

All’attività cinematografica affianca, fin dalla metà degli anni settanta, una notevole produzione televisiva che lo vede protagonista in decine di miniserie e fiction.

Nel 2011 ha ricevuto una stella nella Italian Walk of Fame a Toronto, in Canada.

Nel 2012 ha un cameo in Django Unchained di Quentin Tarantino come tributo ad uno dei suoi ruoli più memorabili.

Cinema

  • Pelle viva, regia di Giuseppe Fina (1962)
  • La ragazza in prestito, regia di Alfredo Giannetti (1964)
  • La Celestina P… R…, regia di Carlo Lizzani (1965)
  • I diafanoidi vengono da Marte, regia di Anthony Dawson (1965)
  • I criminali della galassia, regia di Anthony Dawson (1965)
  • Gli uomini dal passo pesante, regia di Albert Band e Anthony Wileys (1965)
  • Io la conoscevo bene, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
  • Tecnica di un omicidio, regia di Franco Prosperi (1966)
  • Il terzo occhio, regia di Mino Guerrini (1966)
  • Django, regia di Sergio Corbucci (1966)
  • La Bibbia (The Bible: In the Beginning…), regia di John Huston (1966)
  • Le colt cantarono la morte e fu… tempo di massacro, regia di Lucio Fulci (1966)
  • Texas addio, regia di Ferdinando Baldi (1966)
  • La morte viene dal pianeta Aytin, regia di Anthony Dawson (1966)
  • Camelot, regia di Joshua Logan (1967)
  • L’uomo, l’orgoglio, la vendetta, regia di Luigi Bazzoni (1967)
  • Il giorno della civetta, regia di Damiano Damiani (1968)
  • Sequestro di persona, regia di Gianfranco Mingozzi (1968)
  • Un tranquillo posto di campagna, regia di Elio Petri (1968)
  • Il mercenario, regia di Sergio Corbucci (1968)
  • Un detective, regia di Romolo Guerrieri (1969)
  • La battaglia della Neretva (Bitka na Neretvi), regia di Veljko Bulajić (1969)
  • Gott mit uns, regia di Giuliano Montaldo (1970)
  • La vergine e lo zingaro (The Virgin and the Gypsy), regia di Christopher Miles (1970)
  • Tristana, regia di Luis Buñuel (1970)
  • Vamos a matar compañeros, regia di Sergio Corbucci (1970)
  • Dropout, regia di Tinto Brass (1971)
  • Confessione di un commissario di polizia al procuratore della repubblica, regia di Damiano Damiani (1971)
  • Giornata nera per l’ariete, regia di Luigi Bazzoni (1971)
  • L’istruttoria è chiusa: dimentichi, regia di Damiano Damiani (1971)
  • Viva la muerte… tua!, regia di Duccio Tessari (1971)
  • La vacanza, regia di Tinto Brass (1972)
  • La papessa Giovanna (Pope Joan), regia di Michael Anderson (1972)
  • Il monaco (Le moine), regia di Adonis Kyrou (1972)
  • Senza ragione, regia di Silvio Narizzano (1972)
  • Los amigos, regia di Paolo Cavara (1972)
  • Il delitto Matteotti, regia di Florestano Vancini (1973)
  • La polizia incrimina, la legge assolve, regia di Enzo G. Castellari (1973)
  • Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1973)
  • I guappi, regia di Pasquale Squitieri (1974)
  • Mussolini ultimo atto, regia di Carlo Lizzani (1974)
  • Il cittadino si ribella, regia di Enzo G. Castellari (1974)
  • Il ritorno di Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1974)
  • Corruzione al palazzo di giustizia, regia di Marcello Aliprandi (1974)
  • Perché si uccide un magistrato, regia di Damiano Damiani (1975)
  • Cipolla Colt, regia di Enzo G. Castellari (1975)
  • Profezia di un delitto (Les magiciens), regia di Claude Chabrol (1975)
  • Gente di rispetto, regia di Luigi Zampa (1975)
  • Marcia trionfale, regia di Marco Bellocchio (1976)
  • Scandalo, regia di Salvatore Samperi (1976)
  • Keoma, regia di Enzo G. Castellari (1976)
  • Autostop rosso sangue, regia di Pasquale Festa Campanile (1977)
  • Sahara Cross, regia di Tonino Valerii (1977)
  • Forza 10 da Navarone (Force 10 from Navarone), regia di Guy Hamilton (1978)
  • Stridulum, regia di Giulio Paradisi (1979)
  • Un dramma borghese, regia di Florestano Vancini (1979)
  • Le rose di Danzica, regia di Alberto Bevilacqua (1979)
  • Il cacciatore di squali, regia di Enzo G. Castellari (1979)
  • Il detective con la faccia di Bogart (The Man with Bogart’s Face), regia di Robert Day (1980)
  • Il giorno del Cobra, regia di Enzo G. Castellari (1980)
  • Il bandito dagli occhi azzurri, regia di Alfredo Giannetti (1980)
  • Il falcone (Banovic Strahinja), regia di Vatroslav Mimica (1981)
  • L’invincibile ninja (Enter the Ninja), regia di Menahem Golan (1981)
  • La salamandra (The Salamander), regia di Peter Zinner (1981)
  • Messico in fiamme (Krasnye kolokola, film pervyy – Meksika v ogne), regia di Sergej Bondarčuk (1982)
  • Kamikaze 1989 (1982), regia di Wolf Gremm (non accreditato)
  • Querelle de Brest (Querelle), regia di Rainer Werner Fassbinder (1982)
  • Grog, regia di Francesco Laudadio (1982)
  • I dieci giorni che sconvolsero il mondo (Krasnye kolokola, film vtoroy – Ya videl rozhdenie novogo mira), regia di Sergej Bondarčuk (1983)
  • Un marinaio e mezzo, regia di Tommaso Dazzi (1985)
  • André schafft sie alle, regia di Peter Fratzscher (1985)
  • Il pentito, regia di Pasquale Squitieri (1985)
  • Sweet Country, regia di Michael Cacoyannis (1987)
  • Grosso guaio a Cartagena, regia di Tommaso Dazzi (1987)
  • The Girl, regia di Arne Mattsson (1987)
  • Django 2 – Il grande ritorno, regia di Nello Rossati (1987)
  • Top Line, regia di Nello Rossati (1988)
  • Il giovane Toscanini, regia di Franco Zeffirelli (1988)
  • Marathon (Run for Yuor Life), regia di Terence Young (1988)
  • Pygmalion 88, regia di Flavio Mogherini (1988)
  • Magdalene, regia di Monica Teuber (1989)
  • Diceria dell’untore, regia di Beppe Cino (1990)
  • 58 minuti per morire – Die Harder (Die Hard 2), regia di Renny Harlin (1990)
  • Amelia López O’Neil, regia di Valeria Sarmiento (1991)
  • Prova di memoria, regia di Marcello Aliprandi (1992)
  • Fratelli e sorelle, regia di Pupi Avati (1992)
  • Oro, regia di Fabio Bonzi (1992)
  • Intrigo in alto mare (Der Fall Lucona), regia di Jack Gold (1993)
  • Jonathan degli orsi, regia di Enzo G. Castellari (1994)
  • Io e il re, regia di Lucio Gaudino (1995)
  • The Innocent Sleep, regia di Scott Michell (1995)
  • Arrivano gli italiani, regia di Eyal Halfon (1996)
  • Il tocco: la sfida, regia di Enrico Coletti (1996)
  • Honfoglalás, regia di Gábor Koltay (1996)
  • La medaglia, regia di Sergio Rossi (1997)
  • The Versace Murder, regia di Mehanem Golan (1998)
  • Talk of Angels, regia di Nick Hamm (1998)
  • Li chiamarono… briganti!, regia di Pasquale Squitieri (1999)
  • L’escluso (Uninvited), regia di Carlo Gabriel Nero (1999)
  • Mirka, regia di Rachid Benhadj (1999)
  • Maestrale, regia di Sandro Cecca (1999)
  • Chimera, regia di Pappi Corsicato (2001)
  • Sacra corona, regia di Gábor Koltay (2001)
  • La ragion pura, regia di Silvano Agosti (2001)
  • 2012 – L’avvento del male (Megiddo: The Omega Code 2), regia di Brian Trenchard-Smith (2001)
  • Ultimo stadio, regia di Ivano De Matteo (2002)
  • Fumata blanca, regia di Miquel García Borda (2002)
  • Die 8. Todsünde: Das Toskana-Karussell, regia di Peter Patzak (2002)
  • Cattive inclinazioni, regia di Pierfrancesco Campanella (2003)
  • Post coitum, regia di Juraj Jakubisko (2004)
  • Guardiani delle nuvole, regia di Luciano Odorisio (2005)
  • Forever Blues, regia di Franco Nero (2005)
  • Hans, regia di Louis Nero (2006)
  • Amore e libertà – Masaniello, regia di Angelo Antonucci (2006)
  • Two Families, regia di Romano Scavolini (2007)
  • Bastardi, regia di Federico Del Zoppo e Andres Alce Meldonado (2007)
  • Mineurs, regia di Fulvio Wetzl (2008)
  • La rabbia, regia di Louis Nero (2008)
  • Mario il mago (Márió, a varázsló), regia di Tamás Almási (2008)
  • Bathory, regia di Juraj Jakubisko (2008)
  • Ti stramo – Ho voglia di un’ultima notte da manuale prima di tre baci sopra il cielo, regia di Pino Insegno e Gianluca Sodaro (2008)
  • Tesoro, sono un killer (Mord ist mein Geschäft, Liebling), regia di Sebastian Niemann (2009)
  • Palestrina princeps musicae, regia di Georg Brintrup (2010)
  • Letters to Juliet, regia di Gary Winick (2010)
  • Prigioniero di un segreto, regia di Carlo Fusco (2010)
  • Calibro 10 – il decalogo del crimine, regia di Massimo Ivan Falsetta (2010)
  • Rasputin, regia di Louis Nero (2011)
  • Father, regia di Pasquale Squitieri (2011)
  • New Order, regia di Marco Rosson (2012)
  • Canepazzo, regia di David Petrucci (2012)
  • Django Unchained, regia di Quentin Tarantino (2012)
  • Quel che resta, regia di Laszlo Barbo (2013)
  • Mamula, regia di Milan Todorovic (2014)
  • Figli di Maam, regia di Paolo Consorti (2014)
  • Il ragazzo della Giudecca, regia di Alfonso Bergamo (2015)
  • Mediterranean diet example to the world, regia di Francesco Gagliardi – documentario (2015)
  • Civiltà perduta (The Lost City of Z), regia di James Gray (2016)
  • John Wick – Capitolo 2 (John Wick: Chapter 2), regia di Chad Stahelski (2017)
  • Handy, regia di Vincenzo Cosentino (2017)
  • Il crimine non va in pensione, regia di Fabio Fulco (2017)
  • Quartiere Pablo, regia di Pietro Medioli (2017)
  • Istintobrass, regia di Massimiliano Zanin (2017)
  • Ötzi – L’ultimo cacciatore, regia di Felix Randau (2017)
  • The Broken Key, regia di Louis Nero (2017)
  • Red Land (Rosso Istria), regia di Maximiliano Hernando Bruno (2018)
  • Ed è subito sera, regia di Claudio Insegno (2019)
  • Havana Kyrie, regia di Paolo Consorti (2019)

Televisione

  • The Legend of Valentino, regia di Melville Shavelson – film TV (1975)
  • 21 ore a Monaco (21 Hours at Munich), regia di William A. Graham – film TV (1976)
  • Il pirata (The Pirate), regia di Ken Annakin – miniserie TV (1978)
  • Le rose di Danzica, regia di Alberto Bevilacqua – miniserie TV (1981)
  • Wagner – serie TV, 1 episodio (1983)
  • Gli ultimi giorni di Pompei (The Last Days of Pompeii), regia di Peter Hunt – miniserie TV (1984)
  • I figli del guardaboschi (Die Försterbuben), regia di Peter Patzak – film TV (1984)
  • I viaggiatori delle tenebre (The Hitchhiker) – serie TV, 1 episodio (1985)
  • Un marinaio e mezzo, regia di Tommaso Dazzi – film TV (1985)
  • Un altare per la madre, regia di Edith Bruck – film TV (1986)
  • Il generale, regia di Luigi Magni – miniserie TV (1987)
  • I mulini a vento degli dei (Windmills of the Gods), regia di Lee Philips – miniserie TV (1988)
  • I promessi sposi, regia di Salvatore Nocita – sceneggiato TV (1989)
  • Il magistrato, regia di Kathy Mueller – film TV (1989)
  • Oggi ho vinto anch’io, regia di Lodovico Gasparini – film TV (1989)
  • Blaues Blut, regia di Sidney Hayers, Robert Young e Juan Luis Buñuel – miniserie TV (1990)
  • E Caterina… regnò (Young Catherine), regia di Michael Anderson – miniserie TV (1991)
  • Julianus barát, regia di Gábor Koltay – miniserie TV (1991)
  • Chi tocca muore (Touch and Die), regia di Piernico Solinas – film TV (1992)
  • Azzurro profondo, regia di Filippo De Luigi – film TV (1993)
  • Das Babylon Komplott, regia di Peter Patzak – film TV (1993)
  • Nemici intimi, regia di Piernico Solinas – film TV (1994)
  • Desideria e l’anello del drago, regia di Lamberto Bava – miniserie TV (1994)
  • Il ritorno di Sandokan, regia di Enzo G. Castellari – sceneggiato TV (1996)
  • Davide (David), regia di Robert Markowitz – miniserie TV (1997)
  • Deserto di fuoco, regia di Enzo G. Castellari – miniserie TV (1997)
  • Nessuno escluso, regia di Massimo Spano – film TV (1997)
  • La Bella Mafia (Bella Mafia), regia di David Greene – film TV (1997)
  • Painted Lady, regia di Julian Jarrold – film TV (1997)
  • Il tesoro di Damasco, regia di José María Sánchez – film TV (1998)
  • La voce del sangue, regia di Alessandro Di Robilant – miniserie TV (1999)
  • San Paolo, regia di Roger Young – miniserie TV (2000)
  • Gli angeli dell’isola verde – serie TV (2001)
  • Crociati (The Crusaders), regia di Dominique Othenin-Girard – film TV (2001)
  • Liebe, Lügen, Leidenschaften, regia di Marco Serafini – miniserie TV (2003)
  • Herz ohne Krone, regia di Peter Patzak – film TV (2003)
  • Solstizio d’estate (Summer Solstice), regia di Giles Foster – film TV (2005)
  • Belli dentro, sit-com, 1 episodio (2005)
  • La Sacra Famiglia, regia di Raffaele Mertes – miniserie TV (2006)
  • Il principe e la fanciulla (Der Fürst und das Mädchen) – serie TV, 8 episodi (2007)
  • Il sangue e la rosa, regia di Luciano Odorisio, Luigi Parisi e Salvatore Samperi – miniserie TV (2008)
  • Mein Herz in Chile, regia di Jörg Grünler – film TV (2008)
  • Eine Nacht im Grandhotel, regia di Thorsten Näter – film TV (2008)
  • Four Season, regia di Giles Foster – miniserie TV (2008)
  • Sant’Agostino, regia di Christian Duguay – miniserie TV (2010)
  • Law & Order – Unità vittime speciali (Law & Order: Special Victims Unit) – serie TV, episodio “Terra bruciata” (2011)

Minnie Minoprio, pseudonimo di Virginia Anne Minoprio, è un’attrice, showgirl e cantante britannica naturalizzata italiana.

Nel 1957, a 15 anni, esordì sulle scene teatrali londinesi in Cinderella, di Rodgers e Hammerstein. Nel 1959 fu notata da Walter Chiari e Lelio Luttazzi, che la vollero nella rivista Io e la margherita. Nel 1962, mentre interpretava a Coventry il ruolo di protagonista in una riduzione teatrale della fiaba Il principe e la rana dei fratelli Grimm, conobbe il costruttore romano Giorgio Ammanniti con cui è stata sposata sino al 1973. Dalla loro unione nacque il figlio Giuliano.

In Italia cominciò a muovere i primi passi nel mondo del jazz, ebbe in teatro un piccolo ruolo nella commedia musicale Ciao Rudy e apparve in televisione in molti varietà quali Noi maggiorenni e Noi canzonieri. Nel 1968 pubblicò con l’orchestra del jazzista Marcello Rosa il suo primo 45 giri in italiano, Hélène/Cosa c’è di male se…, con un arrangiamento dixieland come voleva la moda del momento.

All’inizio degli anni settanta raggiunse il successo popolare incarnando il personaggio della svampita, in seguito alla sua clamorosa apparizione nella rivista televisiva Speciale per noi, nella quale accompagnava, con voce e movenze sensuali, Quando mi dici così, sigla di chiusura della trasmissione cantata da Fred Bongusto. La sua esibizione provocò perfino un’interrogazione parlamentare, perché ritenuta “troppo sexy”. Partecipò nel 1972 al varietà Sai che ti dico?, con Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, e alla radio nella trasmissione Gran varietà.

Nel 1973 si separa dal marito e nel 1984 si risposa con il musicista Carlo Mezzano dopo 11 anni di convivenza. Nel 1985 si fece ancora notare in Al Paradise, partecipando alla parodia de I promessi sposi realizzata dal Quartetto Cetra nel ruolo della Monaca di Monza. In teatro ha interpretato ruoli di protagonista in diverse commedie: Forse sarà la musica del mare con Lando Buzzanca, L’angelo azzurro con Enrico Beruschi e Margherita Fumero, La presidentessa con Aldo Giuffré, My fair Minnie con Oreste Lionello. Dimenticati i panni di “svampita”, la Minoprio è tornata al jazz diventando un’apprezzata interprete e formando un gruppo, il Minnie Minoprio Jazz Quartet (con Luca Ruggero Jacovella, Valerio Serangeli, Bruno Lagattolla), con il quale si esibisce in tutta Italia.

Anche in precedenza ha collaborato con orchestre jazz di spessore, come la Roman New Orleans Jazz Band, Basso & Valdambrini Quartet, la Big Band di Angel Pocho Gatti, New Dixieland Sound di Marcello Rosa, Carlo Loffredo Ensemble. Autrice di testi per trasmissioni radiofoniche per la Rai e di canzoni, ha anche scritto sei romanzi.

Nel 1978 è apparsa sulla nota rivista Playboy, dove la si vedeva ritratta completamente nuda in servizi sexy. Dal 1987 si dedica al jazz, cantando con gruppi italiani e internazionali e creando a Roma, insieme al marito Carlo Mezzano, il “Cotton Club”, un locale di musica vintage alla moda.

Televisione

  • Speciale per noi (1971), con Paolo Panelli, Bice Valori, Aldo Fabrizi, Ave Ninchi
  • Teatro 10 (1972), con Alberto Lupo
  • Sai che ti dico? (1972), con Raimondo Vianello e Sandra Mondaini
  • Più che altro un varietà (1975), con Gianfranco Funari, Quartetto Cetra
  • Al Paradise (1985), con Quartetto Cetra, Al Bano e Romina Power
  • Ieri, Goggi e domani (1987-1988) con Loretta Goggi

Radio

  • Radio anch’io (1995)

Teatro

  • Io e la margherita (1959), con Walter Chiari
  • Ciao Rudy (1966), con Marcello Mastroianni, Raffaella Carrà
  • Forse sarà la musica del mare (1974), con Lando Buzzanca
  • L’angelo azzurro (1979), con Enrico Beruschi
  • My fair Minnie (1980), con Oreste Lionello, Leo Gullotta
  • La presidentessa, (1989) con Gigi Reder e Aldo Giuffré

Cinema

  • Zingara (1969), regia di Mariano Laurenti, con Bobby Solo, Loretta Goggi, Pippo Franco
  • Mio padre monsignore (1971), regia di Antonio Racioppi, con Lino Capolicchio, Giancarlo Giannini, Barbara Bach
  • Roma bene (1971), regia di Carlo Lizzani, con Senta Berger, Vittorio Caprioli, Nino Manfredi, Virna Lisi
  • L’altra faccia del padrino (1973), regia di Franco Prosperi, con Alighiero Noschese, Lino Banfi
  • Una storia ambigua (1986) regia di Mario Bianchi , con Gabriele Gori , Beba Balteano
  • Forever Blues (2005), regia di Franco Nero, con Franco Nero, Lino Patruno

Libri

  • Il passaggio, Roma, 1992
  • Benvenuti a bordo, Terre sommerse, 2007
  • Minnie Sette spiriti, 2014
  • I Mercanti di Acquacotta.
  • La Villa dei miei sogni
  • Il mistero di Farthing Island
  • Dov’è Alfie?

Informazioni aggiuntive

Peso 0.200 kg