Storyboard: The Amazing Spider-Man #2 » Blog Archive » Heart Social.org – Piattaforma per raccolta fondi per progetti culturali e sociali

Heart Social - Piattaforma Sociale per la raccolta fondi

Attenzione: una volta effettuata la donazione, per gli oggetti o gli eventi presenti sulla piattaforma, NON è possibile effettuare rimborsi, poiché trattasi di donazione e NON di vendita.

No products in the cart.

Welcome Visitor you can Login / Register
 

Storyboard: The Amazing Spider-Man #2

9,90
Category: .

Storyboard 30×21 cm circa su cartoncino

Disponibile

Storyboard 30×21 cm circa

Cos’è uno storyboard

Lo storyboard viene utilizzato nella maggior parte dei film americani e inglesi, soprattutto quelli d’azione, e molto raramente nei film italiani e francesi.
Alfred Hitchcock ne fu certamente un cultore; è abbastanza noto il fatto che disegnasse per intero i suoi Film, ma solo con la risistemazione degli archivi della RKO si è capito fino a che punto si spingeva il suo perfezionismo: conservate in grosse scatole sono state ritrovate decine di migliaia di disegni, per lo più a colori, che illustravano i suoi film, inquadratura per inquadratura. Hitchcock amava dire che considerava i suoi film finiti prima ancora di girarli, e che molto raramente guardava nel mirino della macchina da presa, tanto sapeva già che l’inquadratura sarebbe stata l’equivalente fotografico degli storyboard.
Anche Martin Scorsese realizza i suoi film prima sulla carta e poi sul set. Disegna lui stesso tutte le inquadrature dei suoi film.
Anche Kathryn Bigelow che, prima di diventare regista, è stata una pittrice, disegna da sola i suoi storyboard. “Non dipingo più (…) disegno solo i miei storyboard. Faccio degli storyboard molto precisi, così da visualizzare tutte le scene e, in seguito, lavoro su questi storyboard con il direttore della fotografia. I miei storyboard sono sempre molto precisi, soprattutto quelli delle scene d’azione”.
Spielberg, invece, non sa disegnare, ma in compenso assolda schiere di storyboard-artist per i suoi film. Prima di realizzare Jurassic Park ha messo al lavoro cinque illustratori sulle bozze del romanzo di Crichton, con il risultato che probabilmente anche lo scrittore è stato influenzato dagli storyboard. Per anni gli storyboard sono stati rivisti e corretti, tanto da far dire ad uno degli storyboard-artist che era affascinato da quella specie di lotta per la sopravvivenza che si ingaggiava tra un disegno e un altro.
Ridley Scott può essere definito un vero entusiasta dello storyboard. Per lui “ognuno di quei disegni abbozzati vale da solo più di mille parole”. Nei suoi film “l’ingranaggio della produzione progredisce con gli storyboard”, che “salvano una incommensurabile quantità di tempo e forniscono al regista il senso chiaro delle sue mete”.
Anche James Cameron disegna tutte le inquadrature dei suoi film. Il regista di Titanic e Terminator considera lo storyboard “un inestimabile strumento per la visualizzazione di un film, che, come la parola scritta, può essere appena abbozzato o perfettamente definito, può essere seguito rigidamente o gettato nel cestino, con l’evolversi della visualizzazione della sceneggiatura”.
L’uso dello storyboard è così invalso che il fatto di non usarlo può assumere quasi il valore di una scelta controcorrente, il rifiuto di una tradizione, di un sistema di lavoro collaudato e consolidato nel tempo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “Storyboard: The Amazing Spider-Man #2”

Questo sito si serve dei cookie per l'erogazione dei servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con L'Alchimista. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi